Logo Regione Autonoma della Sardegna
SCUOLA E UNIVERSITA' DELLA SARDEGNA IN RETE
  • Campus
    • Progetto

Progetto

Da Marte a Campus la finalità è quella di mettere a disposizione di studenti, insegnanti e genitori gli strumenti tecnologici, i servizi e le professionalità per costruire una scuola di qualità in cui si riconoscano e possano raggiungere insieme tutti questi obiettivi. Dove siano protagonisti di un progetto educativo comune e abbiano la possibilità di collaborare in rete attraverso lo scambio e il confronto di informazioni, risultati, metodi, esperienze, superando l’ostacolo rappresentato da distanze territoriali e trasformando in ricchezza la diversità dei modi di insegnare e di apprendere.

Marte nasce come progetto di innovazione del sistema formativo regionale sardo, promosso dal ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e dalla Regione Sardegna. Il suo nome per esteso significa “Moduli di Apprendimento su Rete Tecno-Educativa” e indica lo scopo di sperimentare una infrastruttura tecnologica e una serie di servizi per arricchire la formazione scolastica in Sardegna. Costruire un sistema educativo che consenta alle scuole di lavorare in rete e di interagire in spazi di conoscenza e apprendimento comuni, coinvolgendo anche realtà del territorio esterne al mondo scolastico.

Oggi Campus è un’evoluzione di Marte. Un’area del portale Conoscere fatta apposta per fare di tutte le scuole della Sardegna una grande comunità, in cui studenti, insegnanti, dirigenti scolastici e genitori si assumano il compito di far crescere il portale dell’istruzione dell’Isola e di arricchirlo attraverso la loro partecipazione attiva con contributi d’idee e proposte per nuovi percorsi di conoscenza.

Le linee d’azione sono quelle fissate dal progetto Marte. La realizzazione di un’infrastruttura tecnologica che ad oggi prevede l’attivazione nelle scuole medie e superiori della Sardegna di 611 aule informatiche dotate di dodici stazioni di lavoro, per un totale di 543 scuole di ogni ordine e grado collegate in rete.
Il progetto pilota per la sperimentazione delle multimedialità in classe, che coinvolge 28 scuole, di cui 12 medie inferiori, 8 superiori, 4 scuole elementari e 4 materne, per un totale di 100 classi, alle quali è affidato il compito di lavorare insieme su semilavorati per la didattica e di svilupparli, adattandoli alle proprie esigenze e arricchendoli con le proprie esperienze d’insegnamento e apprendimento.