Logo Regione Autonoma della Sardegna
SCUOLA E UNIVERSITA' DELLA SARDEGNA IN RETE
  • Diverse Abilità

Diverse Abilità

tit accessibilita
La scuola come luogo della partecipazione a percorsi comuni di conoscenza
La scuola come luogo dell’integrazione, in cui tutti gli studenti, in particolare quelli diversamente abili, trovino condizioni e strumenti adattati alle proprie esigenze, per partecipare con le stesse opportunità alla vita della classe e alla costruzione di saperi. Le istituzioni scolastiche hanno il dovere di salvaguardare il diritto di ogni studente ad avere una formazione adeguata alle sue capacità psicofisiche, e devono garantire un’offerta formativa individualizzata che integri gli studenti disabili all’interno delle attività di gruppo.

Oggi le scuole utilizzano nuove tecnologie per l’insegnamento e l’apprendimento in classe, per poter assicurare anche ai ragazzi diversamente abili la possibilità di partecipare alle lezioni e ai laboratori multimediali insieme ai compagni, evitando che si sentano esclusi a causa del proprio handicap. I computer e i sistemi informatici devono diventare una risorsa per favorire l’integrazione scolastica e arricchire l’offerta per chi vive una condizione di disabilità. Un processo difficile, che include una “rivoluzione” culturale, nel quale sono coinvolti innanzitutto i docenti, ai quali viene chiesto di confrontarsi con nuovi modelli di insegnamento, ma dove vi è anche la partecipazione attiva delle famiglie e di tutta l’istituzione scolastica.

L’accessibilità oggi
L’accessibilità ai sistemi informatici e al web è tutelata dalla legge 4/2004
L’accessibilità viene definita come “la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche a coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari”. E proprio dal mondo della scuola deve partire la spinta a sostenere nuovi percorsi d’integrazione che - se affrontati con consapevolezza, una conoscenza adeguata delle diverse realtà della disabilità e una partecipazione allargata anche all’esterno della scuola – possono portare benefici alla crescita umana e culturale delle nuove generazioni.